SEI IN > VIVERE PERUGIA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Celebrata a Perugia la Festa della Liberazione

2' di lettura
141

La città di Perugia ha festeggiato il giorno della Liberazione con celebrazioni che, vista la cessazione dello stato di emergenza sanitaria, si sono svolte secondo il consueto programma prendendo le mosse dal civico cimitero. Erano presenti la presidente della Regione, una europarlamentare, il sindaco di Perugia, gli assessori comunali alla cultura, alle politiche sociali e alla sicurezza e consiglieri comunali, una consigliera in rappresentanza della Provincia, il prefetto, il questore, i vertici di forze dell'ordine e polizia locale, le associazioni combattentistiche, la sezione dell'Anpi Bonfigli Tomovic di Perugia e numerosi cittadini.

Nel civico cimitero ha avuto luogo la deposizione di corone e fiori al monumento ai Caduti e sulle tombe delle Medaglie d'Oro della Resistenza e di personaggi illustri. In Borgo XX Giugno si è poi svolta la commemorazione dei patrioti fucilati dai nazifascisti nel 1944. Il sindaco di Perugia ha aperto il suo discorso con un ricordo di David Sassoli, una delle figure più importanti del giornalismo italiano e uomo delle istituzioni italiane ed europee scomparso lo scorso 11 gennaio.

Tre anni fa Sassoli era intervenuto a Perugia in qualità di vicepresidente del Parlamento europeo proprio in occasione dei festeggiamenti del 25 aprile davanti alla lapide di Borgo XX Giugno che ricorda il sacrificio di Mario Grecchi e di altri otto giovani partigiani. Sono state inoltre ricordate le storie di eroismo di uomini e donne che a livello locale hanno messo in gioco la loro vita per la libertà, inclusa quella di don Ottavio Posta, sacerdote di Passignano sul Trasimeno, annoverato fra i Giusti tra le Nazioni per la sua azione a favore di decine di ebrei durante la seconda guerra mondiale.

Richiamate anche la difficile situazione internazionale e le sofferenze causate dalla guerra in corso, che ha comportato a livello locale l'accoglienza di più di 2mila cittadini ucraini. La parola è poi passata a Mirella Alloisio, partigiana ultranovantenne inserita nell'Albo d'oro della città, che ha ringraziato tutti coloro a cui si deve il patrimonio rappresentato dalla Costituzione italiana, riferimento imprescindibile, ha sottolineato, soprattutto in questo periodo di guerra. Alloisio ha auspicato che il 25 aprile sia l'inizio di un lavoro quotidiano per difendere la pace, senza la quale anche la democrazia è in pericolo.

Le celebrazioni si sono concluse in via Masi con la deposizione di una corona di alloro al Monumento dell'Ara Pacis in memoria di tutti i Caduti in guerra. In occasione della festa della Liberazione, il Comune di Perugia ha organizzato, in collaborazione con l'Anpi Bonfigli Tomovic e l'Itet "Aldo Capitini", un evento teatrale dal titolo "L'isola degli Uomini – l'innocenza, la guerra e quelle persone da salvare" di e con Stefano Baffetti, rivolto agli studenti delle scuole secondarie superiori. Appuntamento domani, 26 aprile, all'auditorium dell'Istituto.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite WhatsApp, Facebook Twitter e Telegram di Vivere Perugia .
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waViverePerugia oppure aggiungere il numero 388 1523781 alla propria rubrica e inviare un messaggio con scritto "Notizie ON".
Per Telegram cerca il canale @vivereperugia o Clicca QUI.
Per Facebook Clicca QUI per trovare la pagina.
Per Twitter Clicca QUI per seguire il profilo.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-04-2022 alle 16:27 sul giornale del 26 aprile 2022 - 141 letture