Omicidio Meredith Kercher, annullate le assoluzioni di Knox e Sollecito. Processo da rifare

Amanda Knox e Raffaele Sollecito 1' di lettura 26/03/2013 - E' da rifare il processo d'appello per l'omicidio di Meredith Kercher: la Corte di Cassazione ha annullato la sentenza di secondo grado con cui erano stati assolti Amanda Knox e Raffaele Sollecito.

I giudici hanno accolto il ricorso del procuratore generale, che aveva chiesto l'annullamento della sentenza emessa dalla Corte d'assise d'appello di Perugia il 3 ottobre 2011. I giudici di appello avevano assolto i due ex fidanzati "perché il fatto non sussiste", ribaltando la condanna a 25 e 26 anni di carcere emessa nel primo grado di giudizio. Il nuovo processo si celebrerà a Firenze.

Per l'omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher, avvenuto nella notte tra l'1 e il 2 novembre 2007, è stato condannato in via definitiva a 16 anni di reclusione l'ivoriano Rudy Guede, dopo il giudizio con rito abbreviato.

Per il legale della famiglia Kercher si tratta di una "vittoria processuale e morale". "Questa decisione - ha adetto l'avvocato di parte civile Francesco Maresca - serve anche a ridare la definitiva e finale verità sull'omicidio di Meredith. C'erano più persone assieme a Guede. I giudici ci diranno chi".

Delusa invece Amanda Knox, che da Seattle, parlando al telefono con uno dei suoi legali, ha detto: "Continuano a non credermi". "Pensavo si potesse mettere la parola fine a questa vicenda". Lo ha detto Raffaele Sollecito all'avvocato Luca Mauri, uno dei suoi difensori. "Ho parlato con lui poco fa ed è deluso", ha riferito Mauri. "Oggi è il suo compleanno, compie 29 anni, ma non deve essere deluso perché è innocente", ha aggiunto.






Questo è un articolo pubblicato il 26-03-2013 alle 18:04 sul giornale del 27 marzo 2013 - 893 letture

In questo articolo si parla di cronaca, Omicidio Meredith, Amanda Knox, raffaele sollecito, marco vitaloni





logoEV
logoEV