Spagna: l'ETA ha chiesto scusa alle vittime della lotta armata

ETA 20/04/2018 - I separatisti baschi dell'ETA hanno chiesto scusa alle vittime della loro violenza terrorista durante gli anni della lotta armata.

"Riconosciamo che in questo lungo periodo di lotta armata abbiamo provocato molto dolore e danni irreparabili. Vogliamo mostrare il nostro rispetto per i morti, i feriti e le vittime delle azioni dell’ETA. Siamo sinceramente pentiti", ha detto il gruppo in un comunicato pubblicato venerdì dal quotidiano basco Gara. In oltre quarant'anni di conflitto, i separatisti baschi hanno ucciso 825 persone e ferito migliaia di persone.

L'ETA ha chiesto scusa in particolare ai civili e alle loro famiglie, alle persone uccise senza una partecipazione diretta nel conflitto con lo stato spagnolo. Il gruppo ha inoltre detto che si impegnerà nel far avanzare il processo di riconciliazione. Il governo spagnolo ha accolto positivamente il comunicato e ha detto questo risultato è stato ottenuto politicamente, grazie alla forza dello stato di diritto.

Il gruppo terrorista che per decenni ha lottato per l’indipendenza delle sette province basche divise tra la Spagna settentrionale e la Francia sudoccidentale potrebbe presto annunciare la propria dissoluzione. L'ETA aveva annunciato un cessate il fuoco permanente e l'abbandono della lotta armata nel 2011. Lo scorso anno aveva consegnato tutte le proprie armi e annunciato il disarmo.





Questo è un articolo pubblicato il 20-04-2018 alle 16:37 sul giornale del 21 aprile 2018 - 640 letture

In questo articolo si parla di attualità, spagna, età, marco vitaloni, articolo, sepratisti baschi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aTN6