Concorso torta di Braccio, chi sarà il vincitore?

31/05/2016 - L'assaggio della giuria e la cerimonia di premiazione si terranno mercoledì 1 Giugno alle ore 11.00 al caffè di Perugia con un evento apero al pubblico.

Otto finalisti per un dolce. Tanti sono a contendersi il podio della ricetta ufficiale dedicata a Braccio Fortebracci, quella che forni e pasticcerie di Perugia potranno produrre e vendere a partire da questo fine settimana.
A decretare i dolci finalisti del goloso concorso organizzato dall'Associazione Perugia 1416, in collaborazione con l'Università degli Studi di Perugia e l'Università dei Sapori-Centro internazionale di formazione e cultura dell'alimentazione, entrambi soci fondatori dell'associazione, la giuria di preselezione.
Riunitasi la settimana scorsa, nella sede dell'Università dei Sapori, ha vagliato tutte le ricette pervenute, selezionandole in base alla congruità degli ingredienti in uso nel Quattrocento.
Hanno così passato il turno quelle rispondenti ai criteri dell'ammissibilità.
Si procede dunque verso la finalissima live.
L'assaggio da parte della giuria finale avverrà in diretta durante l'evento pubblico aperto a tutti, che si terrà domani, mercoledì 1 giugno 2016, al Caffè di Perugia in via Mazzini, 10.
Queste le ricette in lizza, con i concorrenti in ordine alfabetico:
Manuela Antognelli con il dolce “La mia torta”
Elena Bellaccini con “Dolce ma non troppo”
Maria Jole Bovini Guida con “Il pane del condottiero”
Cristian Fora con il dolce la “Torta di Braccio”
Liana Francisci con “Primavera a Perugia”
Fabio Pioppi con il “Torta rustica mele e cannella”
Anna Polidori con “Delizia del condottiero”
Carmen Valigi con “Domina Susanna”
Ciascun concorrente presenterà due dolci della propria ricetta, da sottoporre alla giuria composta esperti professionisti del settore gastronomico: Maurizio Beccafichi dell'Università dei Sapori, Paolo Braconi, storico-archeologo docente di Economia e Cultura dell’Alimentazione dell’Università di Perugia, Antonio Boco, critico e giornalista enogastronomico, Marino Marini, archeochef di “Slow Food”, Marilena Badolato, antropologa giornalista coordinatrice del concorso, Paolo Baronti, esperto di cucina storica.
Saranno presenti Teresa Severini, assessore alla Cultura e presidente dell'Associazione Perugia 1416, e Anna Rita Fioroni, presidente dell’Università dei Sapori.
Il vincitore riceverà in premio un piatto in ceramica decorato a mano, prodotto dell'artigianato artistico perugino, commissionato dall'Associazione all'estro di Maria Antonietta Taticchi.
Il secondo e il terzo classificato riceveranno un oggetto in ceramica firmato Quintaliani.
A tutti i finalisti verrà regalato un voucher per un corso di gastronomia, gentilmente offerto dall'Università dei Sapori, che per l'occasione offrirà anche un aperitivo dedicato ai Rioni.






Questo è un articolo pubblicato il 31-05-2016 alle 14:16 sul giornale del 01 giugno 2016 - 282 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, perugia, comune di perugia, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/axAd