Direttissima Ancona-Perugia: ceduto ramo d'azienda ad Astaldi. Spacca: “Possono ripartire i lavori”

gian mario spacca 17/11/2014 - “Si è conclusa – dichiara il presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca - la procedura di cessione del complesso industriale DIRPA in amministrazione straordinaria. Di conseguenza è stato ceduto alla ditta Astaldi anche il ramo d’azienda di Impresa per la realizzazione del tratto della SS 76 Direttissima Ancona – Perugia, opera fondamentale del progetto Quadrilatero.

"Il pressing asfissiante della Regione ha ottenuto il risultato ed ora possono ripartire i cantieri sulla SS 76. E’ una ottima notizia che attendevamo da tempo, che ci dà soddisfazione e ci fa tirare un sospiro di sollievo. La cessione del ramo d’azienda è infatti fondamentale per il riavvio in tempi brevi dei lavori per il collegamento Ancona- Perugia. Ricordo a tutti che Ancona e Perugia sono gli unici due capoluoghi italiani a non essere collegati da un’arteria a quattro corsie, motivo per cui il mercato si è dimostrato particolarmente interessato al progetto. Per mesi abbiamo sollecitato il Ministero e la Quadrilatero spa: avevamo chiesto con fermezza tempi e modalità certi per il riavvio dei lavori della SS/76 e finalmente grazie alla collaborazione di tutte le istituzione e dei soggetti coinvolti siamo riusciti ad uscire da questa preoccupante impasse. Finalmente dunque, come previsto dalle stesse disposizioni contrattuali della cessione, potranno essere riavviati i cantieri”.

I termini di completamento delle opere del progetto Quadrilatero sono previsti entro il 2015 per la SS 318 e nel 2017 per la SS 76. L’intero progetto infrastrutturale consiste nel completamento e adeguamento di due arterie principali (l'asse Foligno-Civitanova Marche strada statale 77 e l'asse Perugia-Ancona statali 76 e 318), della Pedemontana Fabriano-Muccia/Sfercia e altri interventi minori.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-11-2014 alle 15:54 sul giornale del 18 novembre 2014 - 330 letture

In questo articolo si parla di regione marche, politica, gian mario spacca